Cinquemila lire. Ovvero, il dazio da pagare in sala giochi per portare a termine D&D, Tower of Doom. Sono gli anni ’90 e la sala giochi è l’Extraball di Via Tagliamento a Roma, Parioli. Il doppio cabinato, quello che permette di far giocare insieme nella stessa partita sino a 4 giocatori, ai nostri occhi sembrava pura fantascienza e vedere sullo schermo la rappresentazione grafica delle nostre fantasie da tavolo era per noi una sorta di epifania.

Diventerà un rito per il nostro gruppetto: ogni volta che le nostre scarse finanze lo permettevano, si marinava la scuola e si saliva in sella ai nostri motorini SH per andare a conquistare a suon di monetine le terre di Mystara. Il guerriero, il chierico e l’elfa. Rimaneva il posto per un nano in realtà, ma chiunque volesse unirsi alla nostra partita veniva sottoposto a una selezione durissima che X-Factor in confronto è una roba per poppanti.

E quando hai visto ieri nel Microsoft Store di XBOX questa versione di Chronicles of Mystara contenente entrambi i capitoli della serie Capcom, ovvero il già citato Tower of Doom e Shadow over Mystara, a soli 2 euro e ottanta centesimi per la giornata dei saldi, la reazione poteva essere soltanto una: ecchenonteloprendi?

La copertina della Collection per XBOX 360

Tutto è rimasto come in sala giochi: coop per 4 giocatori, personaggi da scegliere dalle classi tipiche di D&D, tutto il fascino dell’ambientazione e del prendere a mazzate goblin, coboldi, gnoll, manticore, beholder, lich e quant’altro. Pur risentendo un po’ degli anni, come tutti i titoli picchiaduro a scorrimento laterale d’altronde, usciti malissimo dalla virata tecnologia del 2D verso il 3D, questi due titoli rimangono pietre miliari del genere grazie all’inserimento di tutta una serie di features innovative per l’epoca, quali l’utilizzo dell’inventario per gli oggetti (che qui assumono un ruolo tutt’altro che secondario) e di una quantità di incantesimi a disposizione tra i più disparati. A ciò si aggiunge l’enorme rigiocabilità, sotto forma di biforcazioni nelle quali il giocatore poteva scegliere la strada da percorrere, portando anche a finali differenti in certi casi.

Immancabile, come per ogni riedizione che si rispetti, tutta una serie di aggiunte accessorie che vanno dai diversi filtri grafici, grazie ai quali sarà possibile ricreare in tutto e per tutto sul vostro schermo la postazione di gioco da sala originale, a gallerie di art, bozzetti e bonus in game da sbloccare e collezionare.

La promozione dura ancora un giorno, l’avete preso?