Odd e il Gigante di Ghiaccio, Neil Gaiman

Se siamo stati creati con una mente in grado di fantasticare, deve pur esserci un motivo valido. Forse la fantasia non è un rifugio per scappare dalle sfide della vita, ma per  per aiutarci a digerire le realtà più dure. Non importa quanto l’esperienza di tutti i giorni ci spinga ad essere instancabili, competitivi, sempre al passo, il nostro cervello non è programmato per reggere ritmi di elaborazione costante dei dati: ogni singolo giorno della nostra esistenza, arriverà il momento in cui dovremo lasciare che esso si spenga, abbandonando ogni automatismo per lasciare che i pensieri fluiscano liberamente.

Vi capita mai dopo un’esperienza particolarmente stressante di sentire qualcuno consigliarvi di “dormirci su”? Non è soltanto un modo di dire.

Il mondo dei sogni è il meccanismo che il nostro terminale principale adopera per depurarsi e ricaricarsi. Lo stesso succede quando ci lasciamo andare alla fantasia; le reti neurali si allentano e il nostro pensiero vaga libero, il cervello rilascia endorfine e una sensazione di rilassamento ci invade.

Fuggire dalla realtà è un sistema per sopravvivere alle frustrazioni in cui questo contesto sociale ci immerge. Un rimedio che vale anche per il sottoscritto, e come tale il dosaggio di questa cura varia a seconda della gravità della situazione.

Continua a leggere “Odd e il Gigante di Ghiaccio, Neil Gaiman”